Valplast.

image

VALPLAST: LA PROTESI RIMOVIBILE DEL TERZO MILLENNIO

Ancora oggi, nonostante la prevenzione dentale abbia notevolmente ridotto la necessità di affrontare riabilitazioni totali nel paziente adulto, ci troviamo a trattare molti casi in cui la mancanza di parecchi o tutti gli elementi dentari induce i pazienti al ricorso di protesi totali: le classiche “dentiere”.

A volte la protesi mobile, totale o parziale, è una tappa protesica provvisoria, a volte una necessità per impossibilità anatomiche, di salute generale o economiche, che impediscono la realizzazione di più moderne riabilitazioni fisse sostenute da impianti osteointegrati.

La ricerca di materiali atti a migliorare il confort e la stabilità di questi manufatti è ormai una sfida costante iniziata alcuni decenni fa. Era infatti il 1950 quando l’odontotecnico americano Arpad Nagy, titolare del laboratorio Valplast di New York e l’ingegnere meccanico Tibor Nagy, iniziarono la ricerca e lo sviluppo di un materiale che permettesse il superamento dei limiti clinici, estetici e di durata delle protesi parziali con struttura metallica e le protesi totali in acrilico.

Nel 1953, dopo anni di ricerca, venne resa disponibile agli operatori l’invenzione dei due fratelli Nagy: il Valplast, un’innovativa resina per la fabbricazione di protesi parziali e totali con caratteristiche rivoluzionarie. Esso è infatti un nylon termoplastico della famiglia dei superpoliammidi che offre caratteristiche fisiche-meccaniche e chimiche di evidente vantaggio sia per l’odontoiatra che per i portatori di protesi di entrambi i generi.

Sbalorditivi i risultati di diffusione: basti pensare che solo nel 2004 negli Stati Uniti, in oltre 1.500.000 casi clinici è stata prescritta una protesi in Valplast. Essendo stato il primo nylon termoplastico per applicazioni dentali ed essendo un sistema comprovato da oltre 50 anni d’esperienza, esso è diventato sinonimo di protesi parziali e totali indistruttibili. Oggi questo materiale è utilizzato anche in implantologia per la creazione di protesi provvisorie e in ortognatodonzia per la realizzazione di bite e mantenitori di spazio.

Il Valplast è in forte espansione per gli evidenti vantaggi che offre sia all’odontoiatra che al paziente: protesi indistruttibili garantite a vita contro la rottura, possibilità di ritocchi immediati senza assistenza, annullamento delle sedute per l’attivazione dei ganci e le riparazioni, annullamento delle correnti galvaniche.

Per i nostri pazienti altri vantaggi eclatanti sono: il palato libero, una protesi con un’estetica ineguagliabile e resistente all’invecchiamento, più igienica ed igienizzabile, un peso infinitamente inferiore alle protesi tradizionali e un’estrema traslucenza del materiale (spessore minimo 1,2 mm), che consente la mimetizzazione nel contesto dei tessuti del cavo orale.

}